Riviste musicali in crisi
Quando ero adolescente compravo regolarmente diverse riviste musicali: all'epoca non c'era internet e le uniche fonti di informazione sui miei artisti preferiti erano le riviste specializzate, i quotidiani, la radio e la televisione. Per avere un panorama quanto più completo di ciò che accadeva in ambito musicale, le riviste erano ovviamente la migliore fonte a cui attingere. Certo, c'erano i quotidiani che avevano notizie più "fresche", ma di contro dedicavano solo una o due pagine all'argomento (comunque sempre meglio dei quotidiani di oggi, in cui anche quelle poche pagine sono purtroppo sparite). Quindi, al di là dell'informazione generalista di radio e TV, e di quella a piccole dosi dei quotidiani, le riviste musicali erano il vero punto di riferimento per gli appassionati di musica. Oggi non è più così. Oggi c'è internet. Qualsiasi informazione è disponibile online: dalle news freschissime alle discografie e biografie... read more ❯
Triad Vibration: dal JazzIt Fest alla notorietà?
Se distinguersi dalla massa di gruppi musicali che ci sono in giro può essere a volte complicato, i Triad Vibration hanno trovato un modo perfetto per farsi notare: aggiungere ad un basso e ad una batteria di impostazione jazz-rock un musicista che suona il... didgeridoo! Esatto, proprio l'antichissimo strumento degli aborigeni australiani. Il risultato di questo mix inconsueto tra una sezione ritmica moderna e uno strumento millenario è non solo suggestivo, ma anche decisamente energico e coinvolgente. Oltretutto, considerata la particolarità del didgeridoo, anche gli equilibri di un normale trio sono rimessi in discussione, dato che in questo modo il basso viene ad assumere spesso un ruolo anche melodico e di primo piano che normalmente non gli è proprio. La musica di questa particolare formazione è travolgente, e vi consiglio di ascoltarla. Non conoscevo questi musicisti prima di un messaggio di Luciano Vanni su Facebook in cui - con grande entusiasmo di... read more ❯
Il compositore Carlo Boccadoro parla di musica.
Quando al puro piacere dell’ascolto musicale si aggiunge anche la riflessione e la comprensione di ciò che si ascolta, la musica rivela i suoi significati più profondi (il nome Parole di Musica di questo blog fa riferimento proprio a questo, del resto). Per questo motivo ho il piacere di segnalarvi un’interessante iniziativa che coinvolge il compositore Carlo Boccadoro in veste di commentatore musicale, visto che parlerà di musica in modo originale e divertente. Boccadoro sarà in scena a partire da lunedì prossimo ai Frigoriferi Milanesi con Jukebox – Atlante musicale, portando con sé una valigia piena di tanti dischi della musica più diversa possibile: dal rock al funk, dalla classica all’elettronica. Gli spettatori pescheranno a turno un disco, e a partire da quello verrà avviato un racconto riguardante non solo quello stile di musica ma anche tutte le storie e gli aneddoti che ci sono dietro. Si tratta insomma di un vero e proprio corso di cultura musicale, esposto in forma di... read more ❯
Peter Gabriel a Łódź con il tour Back to Front. Da non perdere.
Il manifesto che vedete qua sopra me lo sono trovato davanti tornando a casa stasera. Annuncia un concerto che Peter Gabriel terrà a Łódź (Polonia) il 12 maggio 2014. Già fremo per l’eccitazione. La cosa interessante, però, è anche la particolarità di questo concerto, che vedrà Peter Gabriel riproporre l’intero album So del 1987 con gli stessi musicisti di allora. Il concerto fa parte del tour Back to Front che va avanti dal 2012, anno in cui è stato pubblicato anche un cofanetto extra-lusso per celebrare i venticinque anni di un album così importante. In Italia il tour è passato a Milano lo scorso 7 ottobre, ma visto che io sono in Polonia farò in modo di non mancare questo appuntamento. Mancano ancora un po’ di mesi, ma al momento opportuno vi terrò informati con una dettagliata documentazione dell’evento. read more ❯
Grammy Award al pianista e compositore polacco Włodek Pawlik
C’è stata anche un po’ di Polonia nell’ultima cerimonia di premiazione del Grammy Award, che ha visto il pianista e compositore Włodek Pawlik vincere il prestigioso premio nella sezione “Best Large Ensamble Jazz Album” insieme ad un fuoriclasse come il trombettista Randy Brecker (che anni fa ho avuto il piacere e l’onore di intervistare: qui la mia intervista a Randy Brecker). L’album premiato si intitola Night in Calisia, ed è il secondo che vede la collaborazione tra i due musicisti dopo il precedente Tykocin Jazz Suite. L’occasione che ha dato vita a questo secondo progetto è stata una commissione da parte della città polacca di Kalisz per celebrare il proprio 1850° anniversario. Le musiche sono eseguite da Randy Brecker insieme al trio di Włodek Pawlik (con il bassista Paweł Pańta e il batterista Cezary Konrad) e all’orchestra filarmonica di Kalisz. Night in Calisia è una suite in sei parti basata su diversi temi melodici ricorrenti. Proprio la bellezza delle melodie e degli arrangiamenti caratterizza... read more ❯