Intervista a Luis Bacalov
Lo scorso luglio ho avuto l'onore di intervistare Luis Bacalov (Premio Oscar per la colonna sonora del film "Il Postino" di Massimo Troisi): l'incontro è avvenuto al termine di uno splendido concerto che il Maestro ha tenuto a Matera nell'ambito del Festival Duni, dirigendo l'Orchestra  ICO della Magna Grecia ed esibendosi come pianista. Nel podcast che segue è possibile ascoltare la discussione che si è soffermata sulle problematiche connesse alla professione del compositore di colonne sonore, mentre chi lo preferisce può leggere la trascrizione dell'intervista. [display_podcast] In che modo si sviluppa la musica quando lei ha un film da musicare? Come avviene il processo di composizione per un film? Come avviene in generale non lo so: io so come lavoro io. Nel caso - sempre più frequente, oltretutto - che io abbia la possibilità di leggere la sceneggiatura, fa anche piacere leggerla, capire un po’ la situazione, la storia… però io non... read more ❯
Parole di Musica su Facebook
Con questo post Parole di Musica sbarca su Facebook, inserendosi in un network di contatti che, mi auguro, possa seguire con interesse quello che scrivo su questo blog da più di tre anni. L'obiettivo, ovviamente, è quello di "allargare il giro", di sedurre qualche lettore in più con parole che parlano di musica da diverse angolazioni, lì dove le parole non siano musica(li) per sé stesse (ma questo aspetto riguarda più che altro gli artisti, non certo me). Dopo il crollo di visite a seguito dell'hackeraggio del blog, spero di riconquistare i lettori persi, e magari (perché no?) anche qualcuno in più. Invito dunque chi ne abbia piacere a diventare "fan" di Parole di Musica su Facebook per essere informato immediatamente ogni volta che questo blog verrà aggiornato. Grazie per il sostegno che spero vogliate darmi. read more ❯
La leggenda del pianista nel furgone - Intervista a Stefano Cortese
L'idea che un musicista di strada possa spostarsi di piazza in piazza prediligendo uno strumento come il pianoforte acustico ad una più comoda fisarmonica, ad una tastiera o anche alla più blasonata chitarra può apparire ai più una pensata quantomeno bizzarra. Certamente non è sembrata una cosa strana a Stefano Cortese, secondo cui il rapporto con il proprio strumento viene al di sopra di qualsiasi altra cosa, e non conosce barriere logistiche. Girando per l'Italia (e oltre) con il suo strumento in un furgone, questo originale musicista ha ideato uno spettacolo che via via si è sviluppato grazie agli incontri con la gente nelle piazze. Sono nati così dei personaggi che danno vita ad uno spettacolo di cabaret musicale che ha nel rapporto con il pubblico un elemento essenziale. L'aspetto "stradarolo" e anche un po' fiabesco di questa singolare messa in scena ha dato il nome allo spettacolo - "La leggenda... read more ❯
Blog hackerato, blog ripristinato
Già, me l'ero proprio cercata! Non avere aggiornato wordpress per troppo tempo ha avuto come conseguenza naturale l'essere troppo esposto agli attacchi di un hacker, che evidentemente non aveva nulla di meglio da fare che dedicare le sue attenzioni (non richieste) a questo povero blog di musica. Un giorno di agosto, collegandomi all'indirizzo del blog, mi è apparsa l'immagine che vedete qui a fianco (cliccare per ingrandire). Il blog?! Sparito! Dopo i primi attimi di panico, mi sono reso conto di avere una copia di backup di tutto il mio "ambaradan", ma tra problemi di installazione vari, mancanza di tempo e la mia proverbiale pigrizia, soltanto oggi posso dire di avere tutto completamente funzionante come prima ("più di prima, ti amerò!" - scusate, mi è scappata automaticamente...). Ora wordpress è di nuovo aggiornato, ho del materiale rimasto in sospeso da pubblicare e... c'è qualcosa di nuovo nell'aria, che comunicherò il 15... read more ❯
A Monochromatic Lifestyle
A causa della mia pigrizia sono abbastanza lento quando devo comporre qualche nuova canzone. Normalmente passano mesi (se non anni…) tra l’idea iniziale e la stesura definitiva del pezzo. Compongo, insomma, quando ho tempo, voglia e un po’ di buone idee per la testa: circostanze astrali che raramente si verificano tutte contemporaneamente. Non mi era mai capitato dunque di comporre e registrare una musica nuova in meno di 24 ore. L’anomalia astrale si è però verificata nel dicembre del 2006, componendo la musica per il cortometraggio “A Monochromatic Lifestyle” di Paolo Battista. In quel periodo a Paolo (allora mio compagno di appartamento), me e alcuni altri amici, era balenata l'idea di realizzare un cortometraggio partecipando ad un singolare concorso. Gli organizzatori avevano comunicato in mattinata ai partecipanti tre parole tenute fino a quel momento segrete, e da quel momento i vari gruppi avevano la rimanente parte della giornata per realizzare... read more ❯