Mp3 alla ribalta
Ieri, nel corso di una conversazione telefonica con un'amica, mi è capitato di dire che nel pomeriggio sarei passato dal negozio di dischi per fare un po' di acquisti musicali. Per tutta risposta mi sono sentito dire: "Ah, non scarichi musica da internet?". Oltre a ciò, noto che molti colleghi vengono al lavoro ascoltando musica con un lettore mp3, e che anche in quel caso quando me ne esco con una frase del tipo: "ho appena COMPRATO l'ultimo compact disc di..." mi guardano tutti con un'aria piuttosto meravigliata. A volte mi sento come un dinosauro in via di estinzione, un po' seccato per come vanno le cose del mondo (l'estinzione è una cosa un po' seccante, in effetti...). Del resto c'è poco da fare, le vendite dei cd calano, e il "consumo" (parola non usata a caso) della musica su internet spopola. Però, voi che scaricate in poche ore intere discografie e avete... read more ❯
Appello di Gigi Esposito per la cultura a Matera
Ho ricevuto in questi giorni una email da parte di Gigi Esposito, presidente dell'Onyx Jazz Club di Matera, circa alcuni problemi relativi all'improvvisa negazione di spazi per ospitare concerti che erano già stati programmati. Di seguito riporto il suo appello con conseguente richiesta di aiuto (le risposte sono visibili qui), ma mentre la mia esperienza a Varsavia si sta rivelando molto interessante dal punto di vista degli stimoli culturali (e specificamente musicali), mi spiace apprendere che le cose nella mia città non vanno altrettanto bene. Infatti, nonostante le enormi potenzialità di un luogo come Matera, sembra che le istituzioni locali siano del tutto incompetenti nella gestione delle politiche culturali. Come fanno, gli ottusi amministratori, a non capire che arte e musica potrebbero essere la chiave di svolta per dare alla città un'immagine diversa e per sviluppare un turismo culturale che ben si sposerebbe con la singolarità dell'area urbana? Evidentemente chi gestisce... read more ❯
Suzanne Vega a Varsavia: io c'ero!
Finalmente ho assistito ad un concerto di Suzanne Vega. Erano 20 (venti!) anni che aspettavo questo momento (nel frattempo ho fatto anche altre cose, però...). Sono tornato a casa da poco dopo una meravigliosa serata, una di quelle che rimarranno a lungo nella memoria. Il concerto di Suzanne Vega, qui a Varsavia, è stato emozionante come pochi altri, in alcuni momenti mi sono addirittura commosso... Ora mi rendo conto di essere poco razionale, scusatemi, ma mi sembra bello fissare ora un'emozione che è stata intensa. Il repertorio ha dato molto spazio all'ultimo album, che non amo in modo particolare, mentre i momenti più belli dello spettacolo, a mio avviso, sono stati quelli riservati alle canzoni più vecchie. In particolare, ho apprezzato maggiormente le sue canzoni più intime, come "Caramel", "Gypsy", o "Tom's Diner" (quest'ultima riproposta a fine concerto anche nella famosa versione remix da discoteca), mentre l'arrangiamento più interessante è stato... read more ❯
La musica di Chopin al Parco Łazienki
Penso che Frédéric Chopin sarebbe contento dei concerti che ogni settimana, da maggio a settembre, si tengono in suo onore al Parco Łazienki, a Varsavia, ai piedi del monumento a lui dedicato. Sarebbe contento perché il luogo, la situazione, il contesto in generale si addicono perfettamente all'atmosfera evocata dalle sue musiche, a quel Romanticismo di cui fu uno dei massimi rappresentanti. La settimana scorsa ho fatto una passeggiata tra gli alberi di quello spendido parco, e all'ora del concerto una gran folla si è radunata intorno al monumento, seduta sulle panchine o sul prato. C'era anche chi si sdraiava, assaporando appieno un senso di leggerezza che era nell'aria, complice anche la meravigliosa giornata di sole. La sensazione generale che ho avuto - a parte il piacere di essere lì, godendo sia della situazione che della bella musica - è stata quella di vivere un momento in cui la cultura viene usata... read more ❯
Nighthawks
A guardarli in faccia - così, di primo acchito - si direbbe che stiano per preparare un colpo in banca, o che comunque abbiano qualcosa di losco in mente. E invece no: sono due raffinatissimi musicisti! Dal Martino (basso e chitarre - a destra nella foto) e Reiner Winterschladen (tromba) sono due musicisti tedeschi di grande sensibilità musicale. Riescono a trasmettere quanto di più poetico ci possa essere nell'arte dei suoni senza rinunciare a ritmi danzerecci, facendo l'occhiolino a sonorità smooth jazz. I due sono a capo di una formazione che si chiama Nighthawks, di cui avevo già parlato in un mio recente post. Ho comprato il loro ultimo album, intitolato "Nighthawks_4", e lo sto ascoltando di continuo (chi volesse ascoltarne alcuni spezzoni, può farlo cliccando qui), dunque mi è sembrato il momento di parlarne anche sul blog. Questo gruppo riesce a creare un'atmosfera speciale mescolando jazz, rock, funky (e altre... read more ❯